Condividi

Fontana di Rosello. Il simbolo della città di Sassari

Fontana di Rosello Fontana di Rosello

Tanto straordinaria da meritare un francobollo. La fontana di Rosello, il simbolo della città di Sassari, fu scelta nel 1975 dalle Poste italiane come la più famosa fontana ornamentale della Sardegna.

È stata realizzata in stile tardo-rinascimentale ad opera di maestranze genovesi tra il 1603 e il 1606, con una tassazione pubblica di mille scudi. Nella sua forma attuale, con le sue dodici bocche, o Cantaros, e le quattro statue raffiguranti le stagioni, rappresenta allegoricamente il passare del tempo. Tre statue furono distrutte duranti i moti feudali del 1795 e tutte e quattro furono sostituite nel 1828. L’unica originale, seicentesca, è conservata nel Palazzo di Città.

Sorta sopra l’antica fonte di Gurusele, che in epoca romana alimentava l'acquedotto che riforniva Turris Libisonis, l'attuale Porto Torres, da sempre era un punto di riferimento per i viaggiatori, usata dalle massaie per il bucato e dagli acquaioli che caricavano sui loro asini i barili da portare in città. A fine Ottocento si dice che gli asini usati per il trasporto dell’acqua fossero quasi trecento.

Collocata al centro della valle del Rosello, è sovrastata dal ponte di Rosello, risalente al periodo fascista. Ancora oggi è, nel suo genere, un monumento unico in tutta la Sardegna. 

Il sito fa parte della rete culturale Thàmus.

 

Informazioni:
Si trova in Corso Trinità
 
Orari fino a ottobre 2022
Dal martedì al sabato
9.00 - 19.00
Domenica 10.00 - 14.00
Ultimo ingresso 15 minuti prima della chiusura
Chiuso il lunedì e festivi

 

 

Tariffe

 

Tel +39 079 2008072 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video

Service

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner acconsentite a ricevere i cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso ai cookie cliccate qui.