Condividi

Museo della Città: Le Stanze e le Cantine del Duca a Palazzo Ducale

Esposizione Palazzo Ducale Esposizione Palazzo Ducale

Un museo che nasce per illustrare la storia di Palazzo Ducale e della vita che si svolgeva al suo interno: un percorso suggestivo e scenografico che vuole rievocare l’organizzazione e le funzioni degli ambienti al tempo del Duca. L’allestimento si sviluppa su tre stanze collegate tra loro, con ingresso dall’atrio del palazzo.

Passeggiando tra le sale è possibile ammirare ancora i fasti di un tempo: le stanze di un palazzo possono raccontare molto più di quanto si possa leggere nei libri di storia. La prima stanza è dedicata alla storia dell’area nella quale si trova il palazzo: gli scavi nell’adiacente piazza Santa Caterina hanno infatti portato in luce i resti di abitazioni di XV-XVI secolo. Le altre due stanze sono invece dedicate alle residenze della famiglia Manca, dal Palazzo d’Usini al Palazzo Ducale, con oggetti che ne illustrano la vita quotidiana: servizi da mensa e recipienti di varia produzione, ma anche oggetti particolari, come due pistole.

Il percorso “Le Cantine del Duca” si snoda invece lungo una passerella sospesa sulle cantine del palazzo, la cui architettura singolare rende il luogo particolarmente suggestivo. Gli scavi hanno messo in luce al di sotto dei piani pavimentali cinque vani scantinati probabilmente pertinenti alle cantine di abitazioni cinquecentesche che furono abbattute per far posto alla costruzione del primo palazzo nobiliare dei Manca e successivamente riutilizzate all’interno del nuovo palazzo costruito dal Duca dell’Asinara. Le Cantine del Duca ospitano l'esposizione "La Boucherie". dell'artista italo francese Mauro Corda, attraverso sette coraggiose opere di bronzo. Rappresenta un allestimento originale in continuità con la mostra Itinèrarie che Sassari ospitò nel 2012 nei luoghi emblematici della sua storia. Una nuova occasione per aprire gli spazi di maggiore interesse culturale della città all'arte contemporanea, attraverso un'installazione che si inserisce negli scavi archeologici delle antiche cantine di Palazzo Ducale, diventandone parte integrante. Il visitatore si immerge in un percorso di duplice scoperta, storica e artistica, dal forte impatto emotivo.

 

 

 

Informazioni:

Piazza del Comune

Ingresso e visita guidata

Dal martedì al venerdì 10.00-13.00 / 15.00-18.00

Sabato mattina 10.00-13.00

Sabato pomeriggio, domenica, lunedì e festivi chiuso

Accessibile ai disabili

 

Biglietti
Biglietto intero € 4,00
Biglietto ridotto € 3,00 a persona
- per studenti dai 6 ai 25 anni
- per gruppi minimo 10 persone
- per scolaresche

Biglietto gratuito:
- al di sotto dei 6 anni
- per guide turistiche
- insegnanti accompagnatori
- portatori di handicap e accompagnatore

 

Biglietto cumulativo Rete Museale e Culturale Thàmus
Palazzo di Città
“Le Stanze e Le cantine del Duca” presso Palazzo Ducale
Fontana di Rosello (privo di servizio bi-glietteria in loco)
Il Castello Aragonese. Il Barbacane
Altare prenuragico di Monte d'Accoddi
Domus de janas di Montalè
 
Ingresso e visita guidata
Biglietto intero € 10,00 a persona
Biglietti ridotti € 8,00 a persona
- per studenti dai 6 ai 25 anni
- per gruppi minimo 10 persone
Biglietti scolaresche € 5,00 a persona
 
Biglietto “Ticket family”
per famiglie con almeno un figlio da 6/25 anni e oltre
€ 8,00
 
Biglietto “Itinerari tematici”
per gruppi minimo 10 persone € 5,00 a persona
Per scolaresche € 3,00 a persona
(Le attività si svolgono in tutti i siti e nei luoghi maggiormente rappresentativi del centro storico)

Biglietto gratuito:
-al di sotto dei 6 anni
-per guide turistiche
-insegnanti accompagnatori
-portatori di handicap e accompagnatore

I bambini al di sotto dei 12 anni vanno sempre accompagnati

Visite ogni 30 minuti per max 20 persone

Tel. +39 079 2008072

 

Service

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner acconsentite a ricevere i cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso ai cookie cliccate qui.