×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 169
Condividi

Statuti Sassaresi, settecento anni di storia

La stipula della convenzione con la quale nel 1294 Sassari si lega a Genova secondo la formula del Comune podestarile «pazionato» nell'affrespittore siciliano Giuseppe Sciuti (1880) (Palazzo della Provincia, Sassari) La stipula della convenzione con la quale nel 1294 Sassari si lega a Genova secondo la formula del Comune podestarile «pazionato» nell'affrespittore siciliano Giuseppe Sciuti (1880) (Palazzo della Provincia, Sassari)

Sassari celebra quest’anno il settimo centenario degli Statuti Sassaresi. Tanti gli eventi in programma.

Si inizia con la mostra documentaria "Dalla pergamena al digitale" che, dal 28 ottobre al 15 novembre, consentirà ai visitatori dell'Archivio di via dell'Insinuazione di vedere gli originali dei due codici sardo-logudorese e latino, le loro copie cartacee del Cinque-Seicento, la prima trascrizione a stampa curata da Pasquale Tola nel 1850 e altre testimonianze degli studi sviluppatisi intorno alle leggi della Sassari comunale.

A questa mostra seguirà, dal 18 novembre al 31 dicembre sempre negli stessi spazi, un'altra esposizione, "Il mondo urbano della città medievale" dedicata a illustrare il mondo urbano degli Statuti sassaresi – l'ordinamento politico, il tessuto sociale, la forma e le condizioni di vita materiale nella città medievale – anche con l'esposizione di reperti frutto degli scavi archeologici condotti nel centro urbano della città negli ultimi decenni. La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

Durante le mostre sono previsti interventi musicali degli studenti del Conservatorio.

A più di trent’anni di distanza dall'ultimo grande appuntamento scientifico, rappresentato dal convegno di studi sugli Statuti di Sassari curato da Antonello Mattone e Marco Tangheroni, si è posta la necessità di un nuovo approfondimento sollecitato dai più recenti studi, che potrà trovare il suo palcoscenico naturale in un convegno di studi sullo stato della ricerca sullo Statuto locale, con il contributo di studiosi di caratura europea (Luigi Berlinguer, Giuliano Pinto e Giovanni Vitolo). Il convegno «I 700 anni degli Statuti di Sassari», organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Sassari, si articolerà nell’arco di tre giornate (24-25-26 novembre 2016) nella sede istituzionale del Palazzo di Città, con la partecipazione di 35 studiosi.

Gli altri appuntamenti

Lunedì 21 novembre alle ore 18.00, con partenza da piazza Azuni, un viaggio emozionale scoperta della città medievale: "Passeggiando tra gli Statiti nella Sassari Medievale", a cura del Comune di Sassari e l'associazione Aristeo,

Storytelling

Per il settecentesimo anniversario degli Statuti sassaresi è stata prevista una fase di coinvolgimento della popolazione cittadina attraverso la riproposizione della vita della Sassari medievale, con momenti di animazione teatrale di strada e interventi di storytelling sul tema, come la ricostruzione teatrale in forma semi-scenica: “Gli Statuti sassaresi: la legge del vivere in Comune”, che si terrà nelle giornate del 24, 25 e 26 novembre al Palazzo della Frumentaria a cura dell'associazione Tabula Rasa. La serata del 25 è previsto anche un piccolo evento gastronomico con il contributo dell'istituto Alberghiero.

Le celebrazioni si concluderanno a gennaio 2017 con la rappresentazione "La Pisana", commedia inedita di Cosimo Filigheddu portata in scena al Teatro Civico (Palazzo di Città) dalla compagnia Teatro Sassari. Appuntamento venerdì 20 alle ore 21,  sabato 21 alle ore 11 e alle ore 21 e domenica 22 alle ore 21

Il programma delle celebrazioni del settimo centenario degli Statuti sassaresi è organizzato dal Comune di Sassari, in collaborazione con il MiBACT, l'Università degli Studi di Sassari e con il contributo della Fondazione di Sardegna e della Presidenza del Consiglio Regionale.

 

  • Dal: Venerdì, 28 Ottobre 2016
  • Al: Sabato, 31 Dicembre 2016

Service

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner acconsentite a ricevere i cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso ai cookie cliccate qui.