Arte e cultura

Piazza Azuni

L’elegante Piazza Azuni è stata a lungo nota come Piazza Palazzo o Piazza Santa Caterina, infatti il suo aspetto era diverso da quello che conosciamo oggi.

Fino all’Ottocento su una piazza di dimensioni ridotte si affacciavano alcuni degli edifici più importanti della città.

La chiesa di Santa Caterina risaliva infatti al periodo medievale e sembra che le sue dimensioni fossero diventate notevoli per la presenza di contrafforti, di una lunga scalinata con cui si accedeva all’interno e di un grande campanile che svettava accanto all’edificio. Tuttavia, sullo sfondo dell’epidemia della peste venne sempre più abbandonata a sé stessa e alla rovina. Oggi ne rimane testimonianza nell’acquerello di Enrico Costa.

Accanto al potere spirituale era presente anche quello temporale: il Palazzo del Governatore, costruito sull’antecedente Palazzo Reale dei Giudici di Torres. L’edificio era dotato di un grande cortile, che oggi coincide con la parte inferiore di via Luzzati, da cui si accedeva al piano nobile tramite una scala ad archi.

Le fonti testimoniano che la carrozzeria del Governatore fosse talmente grande da ospitare sovente le feste cittadine, come i balli in maschera del Carnevale.

Entrambi gli edifici tuttavia vennero demoliti a metà dell’Ottocento e negli anni successivi assunse la conformazione triangolare a noi nota. Nel 1862 venne fatta la dedica a Domenico Alberto Azuni, giurista di Sassari.

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner acconsentite a ricevere i cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso ai cookie cliccate qui.